WordPress vende la sede: “Non la usa nessuno”

Lo spazio di Hawthorne Street già disponibile: solo una manciata dei 500 fra programmatori e impiegati nei 1.400 metri quadrati usano l’ex magazzino rinnovato nel 2013

Per un colosso che viene un altro se ne va. Mentre Facebook potrebbe aprire il suo primo ufficio a San Francisco – curiosamente nel palazzo dove si trovava Yahoo e di proprietà del San Francisco Chronicle – Automattic, la società di WordPress, è pronta a mettere in vendita i propri spazi. Il motivo? Sono sottoutilizzati: i dipendenti non si presentano quasi mai, la stragrande maggioranza lavora in remoto. Ciascuno da dove preferisce ma di rado al 140 di Hawthorne street, non lontano da South Beach.

L’ex magazzino dove si trova la sede di WordPress è finito sul mercato dopo che il Ceo della software house che realizza la celebre piattaforma di contente management, Matt Mullenweg, si è reso conto che veniva usata da pochi programmatori e altri dipendenti. “Abbiamo aperto un ufficio sei o sette anni fa a un buon prezzo ma nessuno lo usa – aveva spiegato tempo fa – ci vanno in cinque ed è grande 1.400 metri quadrati”. I dipendenti di Automattic sono ben 550. Così, la messa sul mercato: è già in vendita e questo è l’annuncio.

D’altronde la stessa società aveva dato ai suoi dipendenti la possibilità di lavorare da casa, puntando convintamente sul “remote working”. Secondo un portavoce lo spazio di San Francisco era già dagli inizi da intendersi come un punto di coworking. A quanto pare non serve più neanche quello. Rimarranno invece posti simili nelle sedi di Città del Capo, in Sudafrica, e a Portland, nel Maine. Fra l’altro, se i lavoratori di Automattic vogliono usare altri spazi di coworking ottengono un rimborso di 250 dollari al mese per pagarsi la postazione. O farsi rimborsare il frappuccino se preferiscono lavorare da Starbucks.

Non sempre, tuttavia, va in questo modo. E non occorre tornare alle richieste dell’ex Ceo di Yahoo Marissa Mayer che già nel 2013 ordinò ai dipendenti di farsi vedere più spesso negli uffici. Più di recente anche Ibm è in parte tornata sui propri passi, specialmente negli Stati Uniti. La software house Elastic, al contrario, punta sui viaggi e sui canali video visto che non ha un quartier generale fisico per i suoi 500 dipendenti sparsi in 35 Paesi del mondo. Stando ai dati di Gallup oltreoceano più o meno un quarto dei dipendenti lavora in remoto per tutto o parte dell’orario stabilito.

Show Buttons
Hide Buttons