E-commerce. Affidarsi ad un esperto rinunciando alle proprie convinzioni

consulente web

In tema e-commerce capita spesso di aver a che fare con clienti convinti delle proprie idee. E’ un meccanismo psicologico normale e condivisibile. Il cliente ha sempre ragione: 1) perchè paga, 2) perchè l’idea è sua, 3) perchè da tanti anni si occupa di commercio tradizionale o conosce la materia, 4) perchè più semplicemente è un soggetto dotato di intuito e si fida solo di quello.

A maggior ragione, blog e offerte commerciali rintracciabili in rete, ci fanno intendere che realizzare un sito e-commerce nel 2016 non è un’impresa titanica. Con un servizio di hosting Prestashop (o altri progetti e-commerce preinstallati) e con una media di 15 € al mese (senza soffermarci sulle eccezioni) il gioco è fatto.

Scaricando un manuale in rete si possono acquisire le nozioni fondamentali per utilizzare il sistema e-commerce scelto e, in poche settimane, siamo pronti ad affrontare la nostra avventura. Non importa se di programmazione, server, web marketing e dintorni conosciamo poco o nulla.

Nozioni SEO possano essere comode per gestire la fase dell’indicizzazione e per migliorare la messa a regime del sito e-commerce. Tante regolette da rispettare per rendere più incisiva la presenza in rete. Nulla di particolarmente difficile. Un po’ di surfing su blog e siti web che trattano l’argomento e si diventa esperti SEO in un battibaleno. Ci sono esperti che lo fanno di professione, ma di sicuro non è il vostro caso.

Associando una campagna di marketing online, battendo Facebook e dedicando qualche risorsa a Google, si aumenta in maniera considerevole il numero di click sul sito e-commerce. Per cui è meglio destinare un piccolo budget settimanale da destinare alla promozione online in fase di startup, per poi calibrare il budget con dati statistici alla mano. Basta un po’ di intuito per azzeccare una campagna di marketing che funziona, qualche articolo in rete, nozioni di grafica, qualche strumento di google per farsi un’idea globale del mercato, un analizzatore il target per generare il maggior numero di conversioni possibili e la campagna online farà esplodere il nostro sito web di contatti. E pensare che gli esperti in materia hanno parcelle a 3 zeri.

La logistica non è un problema, ci mancherebbe. Appena arrivano gli ordini in qualche modo ci si organizza e se si trattano beni digitali nessun pericolo, resta solo da gestire il servizio e i clienti. Banale.

Tutto è gioco da ragazzi e sobbarcarsi una spesa in più per un esperto è follia, considerando che l’esperto costa molto più di un hosting e-commerce e di solito è un tipo freddo che dispensa consigli secondo una logica che spesso non corrisponde alle aspettative del cliente.

L’esperto è un tipo scomodo che può spegnere i sogni riconducendoci alla dura realtà. Un esperto lavora, non asseconda, spesso stressa e spegne facili entusiasmi. Un esperto può consigliare di non avviare una attività in rete, può farti risparmiare soldi nel lungo periodo, ma nel breve è antieconomico. Se smetti di giocare, potresti avere bisogno di un esperto.